SANGUE di DRAGO: proprietà COSMETICHE e BIODIVERSITÀ

proprietà cosmetiche del sangue di drago


L'Albero del Drago è una pianta subtropicale, che conta oltre 100 specie. Originario delle Isole Canarie, Capo Verde, Madeira e del Marocco occidentale. È tanto apprezzato a Tenerife tant'è che è divenuto il simbolo naturale dell'isola. Oggi presente soprattutto nell'arcipelago di Socotra, ma anche in altre zone del Pianeta.Visivamente, gli alberi sono sbalorditivi. I loro rami crescono secondo uno schema a biforcazione verso l'esterno che dà loro l'aspetto di un fungo gigante o di un ombrello risucchiato al rovescio dal vento.



Digitando sul motore di ricerca "sangue di drago", restituisce una serie di prodotti per la cura della pelle di alta qualità, che promettono di fornire alla pelle idratazione e nutrimento. Inoltre i cosmetici che la contengono sono indicati per favorire i processi di cicatrizzazione e guarigione della cute, nonché per contrastare l'invecchiamento cutaneo. 

La linfa di Croton Lechleri è un lattice resinoso di colore rosso che si ottiene dall'incisione della corteccia dell'albero. Questa resina rosso sangue, nota per trasudare dall'albero del drago della foresta amazzonica, esiste da molto più tempo della commercializzazione dei cosmetici, infatti è sempre stata apprezzata nel corso dei secoli ed è ancora usata come pittura, vernice, ingrediente cosmetico e tintura.


Cenni storici

Gli antichi scrivevano di un albero del drago. Plinio, ad esempio, scrisse di draghi che abitavano un'isola dove gli alberi producevano gocce rosse di cinabro. Secondo una leggenda indiana, in una feroce battaglia, un drago che rappresenta il dio Brahma morse un elefante che rappresentava il dio Shiva e ne bevve il sangue; quando l'elefante cadde a terra, schiacciò il drago, mescolando così il sangue di entrambe le creature per produrre una sostanza simile alla resina.
La resina dell'albero del drago di Socotra divenne una merce conosciuta come sangue di drago nel mondo antico, usata in ogni cosa, dalla tintura del legno e rinfrescante per l'alito ai rituali e alla magia.



I sopravvissuti sono vulnerabili

Purtroppo, però, c'è il rovescio della medaglia in quanto questa meravigliosa specie è stata inserita, dall'International Union for Conservation of Nature, nella lista rossa delle specie in pericolo e classificata come "vulnerabile all'estinzione", a causa dell'aumento dello sviluppo e di altri fattori presenti nell'isola. Tuttavia, i recenti sforzi di conservazione locali e internazionali per proteggere questo splendido albero sono un segno incoraggiante.
La vulnerabilità riconosce il pericolo di estinzione a causa delle minacce alla sopravvivenza e alla riproduzione dell'albero.

Le minacce includono quanto segue:
  • Cambiamento climatico;
  • Riduzione dei livelli di umidità a causa della minore incidenza di pioggerella monsonica, rugiada mattutina e nebbie di montagna;
  • Mancanza di rigenerazione a causa della ridotta fioritura, fruttificazione e semina nonché elevata mortalità dei semi;
  • Siccità;
  • Costruzione di strade;
  • Pascolo delle oltre 30.000 capre dell'isola;
  • Pressione demografica.

proprietà cosmetiche del sangue di drago



Gli usi dell'albero del drago


IL TRONCO  tradizionalmente, il tronco è la fonte di legno per l'artigianato, viene adoperato soprattutto per costruire gli alveari, che vengono prodotti per l'esportazione nella terraferma.

 
LA RESINA  secondo la documentazione storica, il nome "sangue di drago" risale al I secolo d.C. 
all'epoca il sangue di drago era molto apprezzato in tutto il mondo in quanto efficace nel soddisfare una serie di bisogni umani, che tutt'ora soddisfa.
Veniva impiega soprattutto per: rinfrescare l'alito, colorare la lana, verniciare mobili e violini, per le formule dei rossetti e per dipingere.


LE FOGLIE  bovini e capre possono essere nutriti con le foglie durante l'estate e nei periodi di siccità. 
 

IL FRUTTO — gli storni di Socotra si appollaiano sulla cima degli alberi e beccano le bacche che stanno maturando. Inoltre, gli isolani danno le bacche ai bovini e alle capre durante l'estate e nei periodi di siccità. Le bacche possono avere un effetto collaterale sul sistema digestivo del bestiame, per cui gli isolani cercano di limitare il consumo a 5-8 bacche per periodo di alimentazione.


LE RADICI — la resina gommosa si ottiene dalle radici per i seguenti utilizzi: agente astringente, componente in acqua per gargarismi e dentifricio, trattamento per i reumatismi.


Utilizzi cosmetici

Il sangue di drago è noto per le proprietà antietà, rigeneranti e cicatrizzanti, per queste caratteristiche viene impiegato soprattutto nelle formulazioni di creme e sieri antietà, rigeneranti e nei trattamenti per le smagliature. Stimola la contrazione dei tessuti cutanei, aiuta la cicatrizzazione in presenza di ferite e rigenera rapidamente la pelle.

Contiene:
  • proantocianidine che riparano il collagene e aiutano la formazione di nuovo collagene;
  • taspina, un noto agente di guarigione dei tessuti;
  • polifenoli antiossidanti protettivi e composti antinfiammatori che aiutano a proteggere le cellule del DNA della pelle esposta al sole, riducendo gonfiore e dolore.


Data la questione sulla vulnerabilità all'estinzione, credo che in ambito cosmetico non bisognerebbe farne abuso, facendolo divenire il nuovo trend, inoltre qualora le aziende cosmetiche decidessero di sfruttarne le proprietà per i loro prodotti, sarebbe necessario seguire la filiera estrattiva meticolosamente, accertandosi che venga estratto con metodi rinnovabili per proteggere sia la pianta che l'ambiente.


Autrice: Angelica Cappadonna

0 Comments